Blog di Lean Evolution

Guida alla Settimana Kaizen: come raccogliere dati davvero utili?

Guida alla Settimana Kaizen come raccogliere dati davvero utili

I dati sono lo strumento più concreto a nostra disposizione per analizzare l'efficacia delle scelte prese con l’obiettivo di migliorare i processi aziendali.

Applicando le attività in una settimana Kaizen, così come visto nei post precedenti, ti sarai reso conto che seguire una pianificazione prestabilita è fondamentale al fine di analizzare tutti i dati raccolti e fare le giuste considerazioni per applicare un miglioramento continuo.

Ma saper interpretare i dati in ottica produttiva non è così scontato.

Ecco in nostri consigli per farlo al meglio.

Quali sono i dati che contano davvero?

Uno degli accorgimenti utili da seguire è capire realmente quali sono i dati che fanno (e che faranno) la differenza.

Sia chiaro, ogni singola informazione raccolta durante la settimana Kaizen ha importanza, ma devo saper discernere tra ciò che mi serve davvero e quello che posso evitare, o approfondire in un secondo momento qualora fosse interessante in termini di performance.

Come puoi intuire quindi, pi si riesce a programmare la settimana, definire i target e le metriche da tenere sotto controllo, più facile sarà ottenerle ed analizzare i risultati.

In una parola: maggiori efficacia di analisi.

Quindi la prima cosa da mettere a fuoco è conoscere quali sono esattamente i macro e micro dati a disposizione e capire quale costo/valore hanno singolarmente.

Andare troppo nel dettaglio in ogni singolo step, senza avere la certezza che le informazioni che raccoglieremo siano davvero utili successivamente, può diventare forviante e non efficace allo scopo di migliorare le nostre performance.

 

Come definire quali sono i dati più performanti?

Tema ampio ed importante, ma nello spirito di fornire informazioni concrete, possiamo dire che uno strumento di Lean Management utile per comprendere quali sono i parametri di analisi dei macro dati a disposizione è il Diagramma di Ishikawa.

Grazie ad una schematizzazione a lisca di pesce di ogni singola attività, possiamo tracciare prima ogni singola causa-effetto e valutare successivamente su quale parametro andremo a fare un'analisi più approfondita.

Vengono presi in considerazione 4 categorie:

  • Manodopera: tutte le operazioni svolte dall'uomo.
  • Metodo: quali sono le metodologie e le procedure.
  • Materiali: in qualche modo influenzano i processi?
  • Macchine: viene analizzata anche la performance delle macchine

 

Diagramma_di_Ishikawa

Questo schema ci aiuta a definire ed identificare un quadro di massima delle cause-effetto, utilissimo per iniziare a farsi un’idea concreta delle aree di intervento che meritano di essere approfondite.

I dati raccolti ci permetteranno di decidere dove verticalizzare la nostra attenzione, investendo maggior tempo ed analisi sui processi meno performanti e di intervenire per risolverli sfruttando un’altra tecnica di Lean Management, i cicli di feedback più sono rapidi più sono le opportunità di provare a migliorare…e migliorare.

Questa tecnica è ormai ai più conosciuta in una logica di Sistema di Gestione per la Qualità: si tratta del Ciclo di Deming (PDCA).

 

Desideri avere una consulenza?

Contattaci per una consulenza!

approfondisci anche:

 

 

 

Pubblicato il: 08 March 2019

Ti è piaciuto?

Condividilo!

 

  

Ultimi post

Il Blog di Lean Evolution è il luogo ideale per scambio di idee, di approfondimenti e suggerimenti per le aziende che cercano soluzioni innovative di Lean ManagementProject Management, Strategia ed Organizzazione Aziendale, di Risk Management e di numerosi altri argomenti e spunti che troverete all’interno dei post